Da bici normale a elettrica: tutto ciò che devi conoscere per passare alla tua prima e-bike

da bici normale a elettrica

Sempre più persone scelgono di passare da una bici normale a una elettrica in virtù degli innumerevoli vantaggi che proprio l’e-bike con pedalata assistita comporta: le bici elettriche infatti rappresentano ora più che mai, un mezzo alternativo, ecologico e sostenibile per spostarsi liberamente in città, evitando il traffico e riducendo sensibilmente i costi legati all’auto, così come le emissioni di Co2.

Utilizzare la bici elettrica abitualmente è inoltre piacevole e divertente e consente di praticare del buon esercizio fisico: permette infatti di effettuare trekking alpini o affrontare percorsi tecnici off road e di montagna senza alcuna difficoltà, grazie agli innumerevoli modelli a disposizione.

Comodissima in città, l’e-bike consente dunque di investire il proprio tempo libero in attività salutari e benefiche per il proprio fisico, col minimo sforzo e il notevole vantaggio di rappresentare un investimento per la vita.

Ecco dunque tutto ciò che è utile sapere prima di passare dalla bici convenzionale a quella elettrica, compiendo in questo modo la scelta d’acquisto più corretta.

perchè passare alla bici elettrica

Perché passare da una bici normale a una e-bike

Passare da una bici normale a una e-bike implica senza alcun dubbio una scelta consapevole. Questo, poiché la bici elettrica con pedalata assistita può necessitare di un investimento piuttosto ingente: tale mezzo merita pertanto di essere sfruttato nel modo più corretto per beneficiare degli innumerevoli vantaggi che esso comporta.

Le bici elettriche, complici tecnologie e funzionalità sempre più moderne e avanzate, risultano versatili ed efficienti: adatte a vivere in totale libertà le aree urbane così come ad affrontare il brivido di percorsi di montagna prevalentemente tecnici, permettono di sostituire facilmente l’auto e i mezzi pubblici grazie alla notevole autonomia di cui dispongono.

Perché è utile acquistare la prima e-bike? Semplicemente perché a trarne vantaggio, non è solo l’ambiente ma anche la salute: veloce, silenziosa e sostenibile, consente, col minimo sforzo, di praticare un’attività sportiva leggera, rendendosi perfettamente adatta a giovani e “meno giovani”.

E cosa c’è di meglio di una tranquilla passeggiata o di un trekking, reso ancora più piacevole dalla comodità della pedalata assistita? Come non cogliere l’opportunità di evitare smog e traffico tipico della città, percorrendo le apposite piste ciclabili, nettamente più sicure?

Leggi anche: Dove comprare la tua bici elettrica? Su Botteroski.com, ecco perché

Bici elettrica e sostenibilità

La bici elettrica è il mezzo sostenibile per eccellenza: non utilizza infatti alcun tipo di combustibile fossile e non rilascia emissioni di Co2. L’impatto ambientale rispetto a un’auto è pertanto notevolmente più basso.

Permette inoltre di percorrere facilmente anche lunghi tragitti grazie alla notevole autonomia della batteria, generalmente in grado di garantire percorrenze da 80 a 120 chilometri a tutto beneficio della qualità dell’aria e della vivibilità dell’ambiente cittadino.

Semplicissima anche la ricarica della bici elettrica, quando necessaria, per mezzo di apposite colonnine ormai diffuse su tutto il territorio nazionale: non impiegando carburanti, le e-bike sfruttano in prevalenza l’energia elettrica derivante da fonti rinnovabili, riducendo ulteriormente l’impatto ambientale.

Bici elettrica a vantaggio della salute

La bici elettrica è adatta a tutti, giovani e meno giovani: la presenza della pedalata assistita riduce notevolmente lo sforzo fisico, permettendo di affrontare in totale comodità anche le salite più ripide. 

Il movimento richiesto, determinato autonomamente dai pedali sollecitati da una lieve pedalata muscolare, è leggero ma al contempo favorisce la circolazione e permette di rafforzare la respirazione, mantenendo in questo modo il fisico in salute.

Se utilizzata tutti i giorni permette di mantenere la muscolatura comunque in esercizio, riducendo al minimo la fatica: un notevole vantaggio soprattutto per gli anziani.

Bicicletta elettrica per sostituire l’auto o i mezzi pubblici

Passare da una bici normale a una elettrica consente infine di sostituire facilmente l’automobile e i mezzi pubblici, complice la possibilità di affrontare percorrenze degne di nota con ogni ciclo di ricarica completo. Le batterie agli ioni di litio e ad alte prestazioni avvantaggiano soprattutto sotto questo aspetto.

Al di là dunque dei vantaggi per l’ambiente, l’utilizzo della bici elettrica comporta un notevole risparmio, consentendo di ammortizzare rapidamente l’investimento necessario all’acquisto del mezzo.

Nessun costo legato al carburante, all’assicurazione RC auto e al bollo, nessuna necessità di rinnovare costosi abbonamenti del tram, del treno o della metropolitana, a tutto vantaggio del portafogli.

vantaggi del passaggio da bici normale a elettrica

Non meno importante la possibilità, proprio grazie alla crescente diffusione delle e-bike, di evitare il traffico ad esempio nel raggiungere il luogo di lavoro: agile e scattante in ogni situazione, la bici elettrica riduce sensibilmente tali tempistiche, permettendo di giungere a destinazione in totale tranquillità, senza apparire sudati o accaldati!

Le bici elettriche con pedalata assistita possono dunque essere considerate come il mezzo del futuro, in virtù dei molteplici aspetti positivi che comportano.

Rapidità, stabilità e robustezza, unitamente a una notevole versatilità, a differenza delle bici convenzionali permettono di percorrere ogni tragitto godendo dei benefici di una passeggiata serena, rilassata e soprattutto sostenibile, a un prezzo tutto sommato vantaggioso. Cosa desiderare di più?

Leggi anche: Dove comprare una bici elettrica cinese? 5 motivi per non farlo (ora che sei ancora in tempo)